TORTA DI RISO

Questa ricetta con il riso bianco è ideale per chi non usa il burro, non è tollerante al glutine, infatti non usa nessun tipo di farina ma solo riso , latte scremato e uova.

INGREDIENTI

500 gr di riso arboreo o vialone nano italiano;

1 litro di latte scremato ;

100 gr di zucchero;

3 uova;

la buccia di mezzo limone grattugiata, non trattato;

20/30 mandorle;

1 bacca di vaniglia o in mancanza una bustina di vanillina;

1 cucchiaino di cannella; più una spolverata di cannella per decorare;

zucchero a velo per spolverare la torta pronta;

PROCEDIMENTO

mettere a bollire il latte con la cannella, a bollore raggiunto, aggiungere il riso e cuorlo a fuoco bassissimo per 20 minuti, aggiungere la buccia di limone grattugiato e toglierlo dal fuoco e lasciarlo raffreddare.

In 2 ciotole separata, separare i tuorli dagli albumi, nella ciotola con gli albumi montarli a neve con un pizzico di sale, in quella con i tuorli mettere 150 gr di zucchero e sbatterli con una frusta aggiungendo la bacca di vaniglia.

aggiungere il riso cotto ai tuorli sbattuti sbattuti con lo zucchero piano piano ed infine aggiungere l’albume montato a neve

Mettere l’impasto in una teglia dai bordi alti, cospargere di cannella, zucchero e decorare con mandorle. Cuocere in forno preriscaldato a 180° per 40/45 minuti con forno statico.

Lasciare raffreddare e servire tagliata a cubetti cosparsi di zucchero a velo. Abbinamento con Zibibbo dolce;


Paella (a Modo mio)

IMG_20180716_132040

La Pella è un piatto tipico della cucina Spagnola precisamente della cucina Valenciana, la parola “Paella” deriva dalla pentola in cui viene cucinata “Paellera”, una padella di ghisa con i manici ignifughi dello stesso materiale, nella vera tradizione viene cucinata sopra un fuoco di legna e brace, gli ingredienti possono essere: riso, pollo, coniglio, taccole, fagiolini, peperoni, cozze, gamberoni e soprattutto lo zafferano che da quel colore dorato e quel sapore inconfondibile; Io ovviamente ne farò una mia versione light ovvero solo 430 calorie a porzione, veloce e gustosa.

INGREDIENTI PER 2 PERSONE (430 calorie a porzione)

100 gr di riso bianco tipo arborio;

10 gamberi sgusciati;

200 gr petto di pollo tagliato a cuboni circa 4/5 cm di lato;

1 peperone rosso;

1 peperoncino piccante;

1 scalogno;

1 spicchio d’aglio;

10 fagiolini crudi;

700 ml di brodo vegetale;

2 cucchiaia di olio extravergine di oliva;

1 bustina di zafferano;

1 cucchiaino di curry;

1 cucchiaio di aceto bianco;

sale e pepe qb;

1 rametto di rosmarino;

1 rametto di timo;

5 pomodorini pachino;

PROCEDIMENTO

tritare l’aglio e lo scalogno, tagliare il peperone a listarelle, tagliare i pomodorini a metà,  pulire e sgusciare i gamberi, tagliare il petto di pollo a cubetti.

gamberoni crudi.jpg

In una padella antiaderente mettere i 2 cucchiai di olio evo e soffriggere leggermente l’aglio e lo scalogno, aggiungere il pollo e dorarlo, aggiungere i gamberi e dorarli e cospragere il tutto con 1 cucchiaio di aceto, lasciare evaporare e infine aggiungere il riso, mescolare bene, tostare il riso per 2 minuti ed infine aggiungere il brodo e i fagiolini tagliati a pezzettini, lasciare cuocere 10 minuti, aggiungere il curry e lo zafferano e il peperone a listarelle e il rosmarino tritato, cuocere ancora 5 minuti e spegnere il fuoco e aggiungere i pomodorini e il timo fresco spezzettato e servire ancora calda ma sarà buona anche fredda o riscaldata in forno;

Abbinamento con Tempranillo un vino rosso spagnolo servito a 16° celsius, o per i più audaci e festaioli una “Sangria” fatta sempre con il Tempranillo con aggiunta di succo e fette di arancia, 1 pezzetto di cannella, 5 chiodi di garofano, 1 pesca matura e una mela a tocchetti, mezzo limone spremuto, 2 cucchiaia di zucchero di canna, 3 cucchiaia di Rum Amber e lasciare macerare in frigo e aggiungere tanto ghiaccio prima di servirla;


SARTU’ di riso (cucina napoletana)

 

Il Sartù di riso è una ricetta antica del “700” della cucina napoletana, l’uso del riso al Sud di Italia non è mai stato di grande uso, la parola Sartù deriva dal francese Surtout ovvero centro travola, abbellimento da tavola o meglio “Trionfo da Tavola”, rappresenta un integrazione fantastica e intelligente tra il pomodoro, la carne, il formaggio e il riso. Ideale per pranzi di famiglia, la domenica o per le feste per celebrale il cibo e per accogliere i commensali con golosità e allegria. Ho un ricordo di infanzia solo visivo, sfogliavo i ricettari di cucina con questi meravigliosi timballi,colorati e golosi, dopo anni mi cimento in una mia versione “fusion”: con basmati, curcuma, cumino, salsiccia, gouda e funghi;

INGREDIENTI per 5/6 persone

2 tazzoni grandi colmi o 400/500 gr di riso basmati;

100 gr di funghi champignon tagliati a fettine sottili;

1 cucchiaino di curcuma;

200 gr di salsiccia;

1 scalogno

1 spicchio d’aglio;

1 carotina a cubetti;

mezzo gambo di sedano a cubetti;

1 cucchiaio di concetrato di pomodoro;

2 cucchiai di olio evo;

100 gr di parmigiano grattugiato;

150/200 gr di gouda o scamorza affumicata;

3 cucchiaia di pane grattato;

20 gr di burro;

10 semi di  cumino;

sale pepe

1 rametto di rosmarino

3 foglie di salvia

noce moscata cannella;

PROCEDIMENTO

fate bollire 4/5 tazzoni d’acqua con un cucchiaio di sale grosso, il cucchiaino di curcuma, 10 gr di burro e i semi di cumino, quando l’acqua raggiungerà il bollore aggiungere il riso precedentemente lavato e cuocere per 10 minuti, togliere dal fuoco, coprire con coperchio e lasciare riposare per almeno 10 minuti;

 

Prepariamo il sugo, tagliare a cubetti sedano e carota e lo scalogno, soffriggere con olio evo, aggiungere un pizzico di sale, aggiungere i funghi e dopo la salsiccia ed infine il concetrato di pomodoro, aggiungere mezzo bicchiere di acqua e lasciare cuocere per 20 minuti circa, aggiungere un cucchiaino di noce moscata, un cucchiaino di cannella, la salvia e il rosmarino tritati, aggiustare di sale e pepe;

 

Sgranare il riso cotto e aggiugere il parmigano grattugiato e ammalgamare bene, prendere un timballo ovvero uno stampo a forma circolare meglio se ha un buco in mezzo come una ciambella, ungerlo di burro in ogni sua parte che entrerà in contatto con il riso e spolverare di pane grattato, disporre uno strato di circa 3/4 cm di riso e schiacciarlo bene in modo da creare una base solida, disporci sopra il sugo e aggiugere il formaggio tagliato a cubetti e infine coprire con il riso rimanete che verrà spolverato di pane grattato:

 

Infornare a forno preriscaldato a 180° celsius per mezzora;

Togliere dal forno, lasciare riposare 10 minuti, capovolgere e disporlo in un piatto da portata e tagliare a fette:

 

In abbinamento a Taurasi, Aglianico del Vulture;